1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
\\
Vai alla pagina iniziale
 
Camera di Commercio di Massa-Carrara
Per informazioni relative a quest'area rivolgersi a:

UFFICIO REGISTRO IMPRESE

Indirizzo:
Piazza 2 Giugno n.16
54033 Carrara (MS)
tel.0585/764 - 222 - 212 - 259 - 244 - 263 
Fax:0585/764205
Email:registro.imprese@ms.camcom.it
Il personale addetto al Servizio Registro Imprese e Certificazioni per l'Estero risponderà alla richieste di informazioni telefoniche nei seguenti orari:
- dal lunedì al venerdì mattina: dalle ore 12:15 alle ore 14:00;
- martedì e giovedì pomeriggio: dalle ore 14:30 alle ore 15:00 e dalle ore 16:15 alle ore 17:00 

Orari apertura c/o sede di Carrara:
da lunedì a venerdì 8.30-12.15
martedì e giovedì anche 15.00-16.00

Vidimazione libri e scritture contabili:solo martedi' e giovedi' 8.30-12.15 e 15.00-16.00
 
 

Riferimenti normativi:
 
- Legge Regione Toscana 22 ottobre 2008, n. 53
- Decreto del Presidente della Giunta Regionale 07 ottobre 2009, n. 55/R

 

Contenuto della pagina

Imprese Artigiane

Imprenditore artigiano


E' imprenditore artigiano colui che esercita personalmente, professionalmente e in qualità di titolare, l'impresa artigiana, assumendone la piena responsabilità con tutti gli oneri ed i rischi inerenti alla sua direzione e gestione e svolgendo in misura prevalente il proprio lavoro, anche manuale, nel processo produttivo.

L'imprenditore artigiano può essere titolare di una sola impresa artigiana.

 

Requisiti dell'impresa artigiana


E' artigiana l'impresa che, esercitata dall'imprenditore artigiano, risponde ai seguenti requisiti:
a) lo scopo prevalente è lo svolgimento di attività di produzione e di trasformazione dei beni, anche semilavorati,
e attività di prestazione di servizi;
b) l'impresa è organizzata ed opera con il lavoro personale e professionale dell'imprenditore artigiano ed, eventualmente, con quello dei suoi familiari rientranti nei gradi di parentela e di affinità fissati all'articolo 230 bis
del codice civile, dei soci e dei dipendenti, a condizione che il lavoro complessivamente organizzato nell'impresa
abbia funzione preminente sul capitale;
c) l'impresa rispetta i limiti dimensionali fissati all'articolo 9 della legge Regionale 22 ottobre 2008, n. 53

Esercizio dell'impresa artigiana


1. L'impresa artigiana può essere esercitata in forma individuale.

2. L'impresa può essere esercitata, altresì, in forma collettiva attraverso società, anche cooperative, escluse le società per azioni ed in accomandita per azioni, a condizione che:
a) nelle società in nome collettivo, la maggioranza dei soci, ovvero uno nel caso di due soci, sia in possesso dei requisiti di cui all'articolo 5 della legge Regionale 22 ottobre 2008, n. 53;
b) nelle società in accomandita semplice ciascun socio accomandatario sia in possesso dei requisiti di cui all'articolo 5 della legge Regionale 22 ottobre 2008, n. 53 e non sia unico socio di una società a responsabilità limitata o socio accomandatario di un'altra società in accomandita semplice;
c) nelle società a responsabilità limitata unipersonale, il socio unico sia in possesso dei requisiti di cui all'articolo 5 della legge Regionale 22 ottobre 2008, n. 53 e non sia unico socio di altra società a responsabilità limitata o socio accomandatario di una società in accomandita semplice;
d) nelle società a responsabilità limitata la maggioranza dei soci, ovvero uno nel caso di due soci, sia in possesso dei requisiti di cui all'articolo 5 della legge Regionale 22 ottobre 2008, n. 53 e detenga la maggioranza del capitale sociale e degli organi deliberanti della società;
e) nelle società cooperative la maggioranza dei soci sia in possesso dei requisiti di cui all'articolo 5 della legge Regionale 22 ottobre 2008, n. 53.

3. Nessuna impresa può adottare, quale ditta o insegna o marchio, una denominazione in cui ricorrano riferimenti all'artigianato se non è annotata, come impresa artigiana, nella sezione speciale del Registro delle Imprese.

4. Ai fini assicurativi e previdenziali l'impresa artigiana ha titolo all'iscrizione negli elenchi secondo le disposizioni contenute nella l. 463/1959.

 

Ricorsi


Avverso i provvedimenti di rifiuto adottati dall'ufficio e' ammesso ricorso alla C.R.A.T. (Commissione Regionale Artigianto Toscana) con sede in Firenze via Lorenzo Il Magnifico, n. 24 c.a.p. 50129 c/o Uniocamere Toscana, entro 60 giorni dalla data del ricevimento del provvedimento.


Modelli

I modelli Art1, Art2, Art3 e Art4 non sono piu' disponibili nel formato cartaceo ma sono integrati all'interno dei vari software per la preparazione delle pratiche Registro Imprese e Albo Artigiani (Starweb, Fedra, Comunica o prodotti compatibili)

 

Sanzioni Artigiane

Art. 17 legge Regionale Toscana 22 ottobre 2008, n. 53:
1. Chiunque eserciti l'attivita artigiana senza l'annotazione nella sezione speciale del Registro delle Imprese é punito con la sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 250,00 ad euro 2.500,00.
2. Chiunque ometta di richiedere la cancellazione dalla sezione speciale del Registro delle Imprese per l'avvenuta perdita dei requisiti e punito con la sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 250,00 ad euro 2.500,00.
3. Chiunque ometta di comunicare le modificazioninella partecipazione dei soci all'attivita dell'impresa e punito con la sanzione amministrativa da euro 200,00 ad euro 1.000,00.
4. Chiunque presenti, ai fini dell'iscrizione, modificazione o cancellazione, dichiarazioni non veritiere e punito con la sanzione amministrativa da euro 500,00 ad euro 2.500,00, fatte salve le responsabilita penali previste dalla normativa vigente.

 

Maestro Artigiano

L'attestato di Maestro Artigiano viene rilasciato dalla Camera di Commercio all'imprenditore artigiano nel settore artistico o tradizionale che, partecipando all'attività della propria impresa, sia in possesso dei requisiti previsti dalla legge.
L'attestato permette al Maestro artigiano di dirigere quelle imprese che, esercitando nel settore artistico o tradizionale, sono denominate "Botteghe - scuola" e che, ritenute espressione delle produzioni dell'artigianato artistico e tradizionale, svolgono attività formativa nell'ambito dello stesso settore.
I soggetti interessati al riconoscimento della qualifica di Maestro artigiano presentano alla Camera di Commercio territorialmente competente, il modello di domanda predisposto, allegando tutta la documentazione che possa dimostrare il possesso dei requisiti previsti dalla legge per il riconoscimento della qualifica.
La Camera di Commercio che riceve la domanda istruisce, con scadenza trimestrale, le domande di riconoscimento pervenute.
Il procedimento è concluso entro novanta giorni successivi alla scadenza del trimestre.
L'elenco dei soggetti in possesso della qualifica di maestro artigiano è tenuto presso la Commissione Regionale per l'Artigianato Toscano (CRAT).
Avverso il rifiuto e ammesso ricorso al Tribunale Amministrativo Regionale competente entro 60 giorni dalla notifica del provvedimento.

REQUISITI
La qualifica di maestro artigiano può essere conseguita per un'attività ricompresa nell'elenco di cui all'allegato A, colonna 1 del Regolamento di attuazione della legge regionale 20/02/2008 n. 9 (Norme in materia di tutela e difesa dei consumatori e degli utenti) emanato con Decreto del Presidente della Giunta Regionale n.54/R del 22/10/2008: per le attività ivi elencate è necessaria l'iscrizione nella categoria C dell'Albo delle Imprese Artigiane (lavorazioni artistiche tradizionali).
Sono inoltre necessari i seguenti requisiti:
1.     anzianità professionale nella stessa attività di:
a)    almeno 10 anni in qualità di titolare o di soci
ovvero
b)   almeno 8 anni in qualità di titolare o socio e almeno 4 anni in qualità di collaboratore familiare o dipendente
ovvero
c)    almeno 5 anni in qualità di titolare o socio e almeno 8 anni in qualità di collaboratore familiare o dipendente.
2.    grado di capacità professionale desumibile dal conseguimento di premi, titoli di studio, diplomi o attestati di qualifica, ivi compresi quelli conseguiti a seguito di partecipazione a corsi regionali di formazione, dall'esecuzione di saggi di lavoro o anche da specifica e notoria perizia e competenza o dallo svolgimento di attività formative, nonché da ogni altro elemento che possa comprovare la specifica competenza ed a tal proposito è necessario presentare un curriculum professionale.
3.    attitudine all'insegnamento del mestiere, desumibile da qualsiasi elemento che possa comprovare la specifica competenza, perizia ed attitudine all'insegnamento professionale.
 
MODULISTICA

SANZIONI
La violazione di norme in materia di maestro artigiano sono soggette ad una sanzione amministrativa da € 500,00 ad € 1.500,00.
NORMATIVA
Legge Regionale Toscana 22 ottobre 2008 n. 53 - Norme in materia di artigianato
DPGR 7 ottobre 2009 n. 55/R - Regolamento di attuazione della legge regionale 22 ottobre 2008 n.53 (Norme in materia di artigianato).
UFFICIO COMPETENTE
La domanda di riconoscimento della qualifica di Maestro Artigiano deve essere presentata presso gli sportelli dell'Ufficio Registro Imprese - Certificazioni per l'Estero della Camera di Commercio - Piazza II Giugno,  14 (piano terra) - Carrara.
 

RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO
Dott. Oreste Tonarelli
oreste.tonarelli@ms.camcom.it
 

RESPONSABILE DEL SERVIZIO
Dott. Mirco Bongiorni
mirco.bongiorni@ms.camcom.it

 
Voto

Non sono presenti commenti