1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
\\
Vai alla pagina iniziale
 
Camera di Commercio di Massa-Carrara

Contenuto della pagina

Un momento della presentazione alla stampa

36 opere all'asta per l'Ospedale Pediatrico Apuano. Tutto pronto per l'asta benefica che chiude il bellissimo percorso di sorrisi, gioia e speranza di "Trentasei segni e colori d'amore" in programma sabato 14 marzo, a partire dalle ore 18.00, alla Camera di Commercio di Massa Carrara (per info www.ms.camcom.gov.it e www.facebook.com/cameracommercioMS).

Coinvolte, e questa è la ragione del protagonismo dell'ente camerale, le associazioni di categoria che si faranno portavoce, e magari anche acquirenti, di alcune delle trentasei bellissime opere all'asta. Il ricavato verrà devoluto interamente all'ospedale pediatrico apuano di Montepepe. "L'Ospedale Pediatrico Apuano è, a tutti gli effetti, un'importante azienda del nostro territorio che genera occupazione, indotto, economia in un settore strategico come quello della salute. Pertanto - spiega Dino Sodini, Presidente Camera di Commercio - ci è sembrato interessante coinvolgere anche le associazioni di categoria e le stesse imprese che ci auguriamo possano partecipare all'asta, contribuire, dare un bel segnale al territorio. Ci aspettiamo una risposta di vicinanza e solidarietà anche dalla comunità, dai singoli cittadini".

L'evento, nato sotto il coordinamento artistico del maestro Gino Masciarelli, Presidente del movimento In­Flusso, coinvolge le opere di 36 giovani artisti di tutta Italia, in parte espressione del movimento stesso e in parte legati alla comunità apuo­versiliese. Si tratta quadri, sculture o fotografie. Il movimento di Masciarelli è nato con l'intento di aiutare e promuovere i talenti artistici ad emergere, con eventi e mostre collettive, interagendo in una coralità pur rispettando la creatività e l'individualità di ciascuno. "Qualcuno, pochi giorni fa, mi diceva che ognuno di noi, in questa provincia, sente l'Opa come suo": è un sentimento che si percepisce. Si percepisce - spiega Luciano Ciucci, Direttore Generale dell'Opa - nella presenza costante delle Istituzioni ed autorità locali, che anche in questo caso hanno mostrato la loro grande disponibilità e partecipazione; si percepisce nella vicinanza della comunità che è sempre accanto alla nostra struttura, con piccoli e grandi gesti: tutti per noi di grandissimo significato perché ci sostengono nel nostro impegno quotidiano in cui cerchiamo di fare buona ricerca e buona sanità a favore di grandi e piccini. Ma credo di poter dire che l'attenzione e l'affetto per l'Opa varcano i confini della provincia ed arrivano senza dubbio alla Versilia, e ben oltre: oltre quattro bambini ricoverati su dieci, del resto, proviene da fuori regione. Dell'OPA, poi, si conoscono le iniziative nei confronti di Paesi meno fortunati, con periodiche missioni all'estero, attività di formazione qua a Massa e l'accoglienza di bambini stranieri da sottoporre a complessi interventi di cardiochirurgia: ed anche queste attività sono rese possibili grazie al sostegno di molti. Come gli organizzatori della mostra, quindi, conto - prosegue - su una notevole affluenza all'asta il cui ricavato sarà interamente impiegato per l'acquisto di strumentazione per il potenziamento delle capacità di diagnosi in ambito fetale e pediatrico". Sull'importanza del ruolo economico (e non solo) dell'Opa si sono espressi Paolo Bedini (Presidente Cna), Gianfranco Oligieri (Direttore Confartigianato), Chiara Grassi (Legacoop) intervenuti alla presentazione.

L'asta, gestita dal Rotaract Carrara e Massa, rappresenta l'ultima tappa di un percorso che unisce arte e solidarietà. A rappresentare l'associazione è intervenuta la giovane Presidente, Irene Perfetti. "Ci aspettiamo che alla generosità così ben espressa dagli artisti intervenuti faccia seguito ­ aggiungono Riccardo Fini e Marco Torre, ispiratori e coordinatori dell'intera manifestazione ­ quella della nostra comunità, da sempre ben propensa a garantire il successo di eventi benefici dalle finalità così nobili". La mostra è stata curata da Alice Procopio.

 
 
 
nclude TemplatesUSR-Site-include/AdminLink.txt}